Prossime Uscite

In uscita il 19 Marzo 2021

Massimo Morganti arrangiamento e conduzione
Colours Jazz Orchestra

SCA182

Momenti

L’arte di orchestrare i classici

Momenti è il primo album che Massimo realizza, come leader, con EGEA.

Con l’etichetta, Massimo ha già collaborato in progetti didattici, discografici, concertistici. In veste di solista, ha partecipato all’incisione dei dischi: Pane e tempesta (2010), La donna di cristallo (2012), Da Istanbul a Napoli (2015), El mar de los deseos (2016). Con Radar Records: Bestiario (2006), Urban Take (2009). Con EGEA Small: Il segreto della fantasia (2006).

Ha realizzato lavori di arrangiamento di repertori classici ed è stato impegnato in attività didattiche che avevano come oggetto la pratica strumentale, la musica d’insieme e l’arrangiamento. Momenti può quindi essere considerato come un’ulteriore tappa di un percorso sperimentato di collaborazione. Una tappa in cui Massimo, ancora una volta, dimostra la sua profonda conoscenza dell’orchestra, il suo gusto raffinato nel rileggere alcuni grandi temi della musica jazz e dintorni.

Gabriele Mirabassi clarinetto
Simone Zanchini fisarmonica

SCA182

Il Gatto e la Volpe

Primo lavoro discografico del duo Gabriele Mirabassi e Simone Zanchini. Disco divertente, brillante, ricco di mille spunti e colori musicali. Otto brani, di cui la maggior parte scritti dagli stessi interpreti, dove il dialogo avvincente tra i due strumenti, alternando atmosfere di sapore popolare ad altre colte, raggiunge vette di puro lirismo.

Un vero duo quello composto da Gabriele e Simone: assoluta padronanza del proprio strumento, forte impronta individuale, inesauribile creatività personale, ma grande intesa e senso dell’equilibrio generale.

Un disco fortemente legato alla tradizione EGEA, ma che esplora, attraverso l’uso di un linguaggio assolutamente originale, nuove e stimolanti direzioni.

Ultime Uscite

Enrico Pieranunzi pianoforte

Nuovo album solo digitale

Les Amants & more

Live in Cesena 2020

In occasione del compleanno di Enrico Pieranunzi, il 5 Dicembre 2020, EGEA pubblica un album suo dal titolo Les Amants & more, disponibile solo per l’ascolto in digitale, contenente alcuni dei brani più amati dagli appassionati della musica di Enrico.

Le sei composizioni sono state registrate live durante il concerto tenuto dal noto pianista e compositore a Cesena il 12 Settembre 2020, in occasione della rassegna Suoni e Segni in Romagna.

Les Amants, Trasnoche, Islas, A second thought, Un sueño más, Una piccola chiave dorata – questi i titoli dei sei brani presenti nell’album – sono stati pubblicati per la prima volta in dischi storici di EGEA come Racconti Mediterranei, Trasnoche, Canto nascosto. Queste nuove versioni live danno vita a una selezione veramente speciale, tutta da gustare.

Di Nicola Segatta
Con la Piccola Orchestra Lumière e Giovanni Sollima

Ikone

“Quest’opera è divisa in cinque dipinti musicali d’ispirazione mediterranea. Ho cercato con l’orchestrazione di riprodurre l’oro dei fondali bizantini, fondendo il timbro degli ottoni con la celesta, il mandolino, il clavicembalo e l’arpa; accostando il suono dei legni e degli archi ho mimato gli accordi di colore, semplici, essenziali e infallibili, di anonimi pittori ortodossi, dei miniaturisti armeni, di Andrei Rublev. I passi biblici, che corredano tradizionalmente le sacre effigi ortodosse, sono tracciati sulla musica con l’ausilio del canto. Il coro e i solisti intonano alcuni dei passi più celebri del Nuovo Testamento, tratti dal Vangelo di Matteo e di Giovanni, nella lingua originale, tipica delle icone: il greco antico. Questi versi, cantati nella lingua in cui furono scritti, risuonano oggi come incomprensibili formule magiche – potenti come le parole della mamma per un neonato che non conosce alcuna lingua.”

Nicola Segatta

Di Nicola Segatta
Giovanni Sollima violoncello solista
Marcello Fera direttore
La Piccola Orchestra Lumiére

Concerto Bizantino per violoncello e orchestra

“Non sono mai stato a Istanbul, né a Bisanzio o a Costantinopoli. Quello che so del Bosforo l’ho scoperto dalla lettura di Nazim Hikmet, Orhan Pamuk, dalle lezioni alla radio di Alessandro Barbero, dal telegiornale, dall’amico Andrès Rodrigo Lopez o da altri viaggiatori. La mia Bisanzio è una città invisibile, un luogo della metafora, omonimo, ma non sosia o alter-ego, del posto dal quale il grande Iosif Brodskji fece la propria Fuga. La Bisanzio da cui proviene questo concerto rappresenta un ponte ideale tra oriente e occidente, tra le due polarità, i due emisferi che dialogano da millenni nel cervello dell’umanità.”

Nicola Segatta

Along the Wind
Alberto Balducci chitarra

LV 101

Tales that drift and whisper

Tales that drift and whisper è una collezione di pezzi strumentali di sola chitarra classica, la cui composizione si estende per un arco di tempo molto ampio. Questi brani nascono come creazioni molto personali, strettamente legate all’essenza del progetto Along the Wind: l’esplorazione del legame tra interiorità ed esteriorità, dove quest’ultima è qui rappresentata dalla natura (il vento, gli alberi che ondeggiano, il silenzio dei boschi, la forza dirompente dei marosi) e rispecchia la controparte interiore, che nel disco si configura in una “narrativa astratta” di una serie di situazioni e movimenti interni.

Il risultato è una collezione di composizioni meditative, mai statiche, che sempre oscillano tra il lasciarsi trasportare dai venti e il contemplare gli spazi infiniti della propria individualità.

LV 102

La linea del vento

Il disco contiene 11 tracce che consegnano all’ascoltatore un ispiratissimo Deledda: lirico, delicato, sensibile. La linea del vento è un lavoro discografico dove temi, atmosfere, ambiti sonori vengono generati in modo fluido, spontaneo secondo un itinerario in cui riferimenti al linguaggio jazz e alla popular music si integrano e si alternano senza soluzione di continuità.

Musica concepita quasi di getto, frutto di un momento intimo, ispirato, sincero.